?v=MVNgLcJ0PiY&app=desktop

  • C’était les années 1990 en Italie...

    Curre Curre Guagliò

    Un giorno come tanti ma non certo per qualcuno
    qualcuno che da giorni mesi anni sta lottando
    contro chi di questo stato na gabbia sta facendo
    reprimendo attento ascolta dico reprimendo
    chi da solo denuncia e combatte sti fetiente
    e sa bene che significa emarginazione
    esattamente quanto costa amare un centro sociale
    Officina 99
    Curre curre guagliò (x8)
    Siente sti parole d’odio e pure d’ammore
    si nu scatto di manette strette ai polsi dentro a un cellulare
    guagliò
    fa più rumore nel tuo cuore di un comizio elettorale
    guagliò
    si nu bisogno soddisfatto sei sicuro non ti puoi sbagliare
    guagliò
    vale cchiù ’e na bella giacca c’ ’o telefonino cellulare
    guagliò
    allora è chisto ’o mumento e tu l’he ’a superà
    ca te piace o t’allamiente e ’o mumento d’occupà
    Curre curre guagliò (x8)
    Si può vivere una vita intera come sbirri di frontiera
    in un paese neutrale, anni persi ad aspettare
    qualcosa qualcuno la sorte o perché no la morte
    ma la tranquillità tanta cura per trovarla
    sì la stabilità un onesto stare a galla
    è di una fragilità guagliò
    è di una fragilità guagliò
    forse un tossico che muore proprio sotto al tuo balcone
    forse un inaspettato aumento d’ ’o pesone
    forse nu licenziamento in tronco d’ ’o padrone
    forse na risata ’nfaccia ’e nu carabiniere
    non so bene non so dire dove nasca quel calore
    ma so che brucia, arde e freme
    trasforma la tua vita no tu non lo puoi spiegare
    una sorta di apparente illogicità
    ti fa vivere una vita che per altri è assurdità
    ma tu fai la cosa giusta te l’ha detto quel calore
    ti brucia in petto è odio mosso da amore
    da amore guagliò
    Curre curre guagliò (x8)
    Tanta mazzate pigliate
    Tanta mazzate pigliate
    Tanta mazzate ma tanta mazzate
    Ma tanta mazzate pigliate
    Tanta mazzate pigliate
    Tanta mazzate pigliate
    Tanta mazzate ma tanta mazzate
    ma una bona l’ammo data
    è nato è nato è nato
    n’atu centro sociale occupato
    n’atu centro sociale occupato
    e mò c’ ’o cazzo ce cacciate
    è nato è nato è nato
    n’atu centro sociale occupato
    n’atu centro sociale occupato
    e mò c’ ’o cazzo ce cacciate
    Curre curre guagliò (x8)
    Pecché primma mettite ’e bombe e po’ ’o vulite a me
    e me mettite ’e mane ’ncuollo si ve chied’ ’o pecché
    mammà ’e guardie a casa s’avette ’a veré
    e nu spazio popolare nun è buono pecché
    pecché è controculturale o ammacaro pecché
    rompe ’o cazz’ a troppa gente si ma allora pecché
    tu me può rompere ’o cazzo e no i’ pure a tte
    me se ’ntosta ’a nervatura e ’o saccio buono pecché
    pecché me so’ rutt’ ’o cazzo pure sulo ’e te veré
    figurammece a sentì’ che tiene ’a ricere a me
    strunzate ’e quarant’anne ’e potere pecché
    pecché ’a gente tene famme e se fa strunzià’ ’a te
    e tu me manne ’o celerino ca me sgombera a me
    ma nun basta ’o manganiello mo’ t’ ’o dico oi né
    pecché nun me faje cchiù male aggio ’mparato a caré’

    https://www.youtube.com/watch?v=MVNgLcJ0PiY&app=desktop

    #99_posse #musique #musique_et_politique #squat #centre_social_occupé #Italie

    –-----

    Sud

    Il peso dell’assenza spinge giù
    Giù in profondità
    Quando una cosa manca scava
    Brucia
    E la battaglia inizia

    Da giù ne esci cambiato a un altro modo
    Poi poi parlerete a perdifiato
    Ma ora che la terra sotto i piedi ti crolla
    Capisci perché un uomo si ribella
    Notte di luna stanotte questo canto illumina la musica
    È un assalto frontale
    La calma ha un’assurda sorda forma irreale
    Sola
    Invece della furia
    Zero
    Saremo nati male vale falso o vero
    Qual è il nostro futuro?
    Io vedo strano chiaro
    Tu dai potere e soldi di mano in mano
    E se la cosa si fa pericolosa
    Col tuo unico voto
    Corri in cerca di un capo
    E poi di nuovo daccapo
    Dai potere e soldi
    Oggi faccio a modo mio
    Metti in conto questo numero
    Zero
    Sud
    O’mare fa pija aria ai pensieri
    E saglieno saglieno cà fatica i chi è stato sempe à sott
    Co’chi ta vuò piglià Sud
    Chin’e cazzimma e voglia r’alluccà Sud
    Ma ven’a jornata càs’arrevota a sonata
    Chiu’e dieci anni do’terremoto e tanti e chill’denari
    Ca putessero aizà tutta l’Italia
    Sud
    Se l’hanno spartuto in modo equilibrato
    Sud
    E arin’t a sti lamiere a stagione se squaglieno e pensieri
    Ma ven’a jornata càs’arrevota a sonata
    Sud
    Ma ven’a jornata càs’arrevota a sonata

    Dimmi quanto può cambiare il corso delle cose un uomo
    Forse poco niente
    A ogni modo sempre
    Ho cercato una vita degna d’essere al mondo
    E oggi voglio un grande giorno
    È assurdo camminare in un quartiere popolare
    Col razzismo addosso
    Adesso un mondo in bianco e nero
    Ti costringe a fare un po’ di conti con te stesso
    A lavorare su te stesso
    E parlare è un passo
    Ma ora quello che conta è solo quello che fai
    Quello che dai
    Sicuro si lotta lottando à cujut buon’o’tir
    Sud
    Se c’è un confine
    Passa fin dentro il cuore
    Brucia e la battaglia inizia
    A ognuno la sua parte
    Dall’altra di guardia i carabinieri
    I fedeli
    Nei secoli a chi fedeli?
    Guai a quel popolo che fa dei suoi giudici eroi
    E si affida
    A chi confonde giudizio e giustizia e si fida
    Guai a quel popolo che fa dei suoi giudici eroi
    E si fida di chi nasconde un altro inganno all’inganno
    Mi sorprendo freddo
    Questa volta ho solo voglia di rivolta
    E non importa
    Se è il volo di un sogno o solo il sogno di un volo
    Se solo questo giorno durasse in eterno
    Se solo questo giorno durasse in eterno
    Sud
    Se aiz’l’occhi te gira a capa
    Se aiz’l’occhi al Sud
    A fantasia se jetta appriess’e denari
    Facimm’e capriole p’apparà a jornata
    Si nun te mai pigliato collera o’sacc’i comm’è
    E denari int’a sacca
    O’naso appilato
    Te votato sempe a l’ata parte
    Sud
    Se l’hanno spartuto in modo equilibrato
    Sud
    Ma ven’a jrnata ca’s’arrevota a sonata

    (Brutopop, NCOT, Sioux, Militant A)

    Sud suite

    Se dopo questo giorno avrò ancora un po’ di tempo
    Un po’ di tempo
    Sarà già tanto e il cattivo raccolto
    Sarà solo il ricordo di un vincente
    Perché resto innamorato sempre
    Se dopo questo giorno avrò ancora un po’ di tempo
    Avrò il talento
    Per stare in equilibrio mentre fuori il mondo è in fallimento
    Tutto passa e passa e io avrò fatto la mia piccola importante parte di comparsa
    E dopo questo giorno cosa resta ora?
    Ho cercato di mangiarmi il mondo
    Il mondo a poco a poco mi divora
    Perché
    Quando ho scelto ho preso il posto mio vicino a dei pezzenti
    Che sono dei Re
    Vale la pena?
    Sono cose queste che non metto a posto in una discussione
    Una sera a cena
    È stato il peso dell’assenza quando ho scelto
    Anch’io di scegliere il disordine
    Alla diseguaglianza

    https://www.youtube.com/watch?v=ZHcOAJeQxj0


    #Assalti_Frontali #résistance #lutte

    ping @sinehebdo