• #Operazione_Libero

    Nous étions exaspérés. Et nous savions qu’à présent le temps était venu de procéder à des changements. Ainsi, après le « oui » à l’initiative d’immigration de masse, nous nous sommes rassemblés entre amis et amis d’amis. Nous avons discuté, débattu et sommes arrivés à la conclusion que nous avons besoin d’un changement sur le long terme en politique, d’un nouveau #mouvement_politique.

    Le résultat du 9 février 2014 n’a été que la dernière impulsion. Depuis un moment déjà, nous nous sentons sous-représentés au sein du paysage politique de la Suisse, et nous observons les récents événements avec préoccupation. Des initiatives rétrogrades et une atmosphère d’hostilité envers le futur ont mis la Suisse sur de mauvais rails. Elles sont les étincelles qui ont mis le feu aux poudres pour Opération Libero.

    https://www.operation-libero.ch/fr/mouvement
    #Suisse #résistance #extrême_droite #politique #démocratie_directe #hostilité

    • Switzerland has been a lab for toxic rightwing politics. We took that on

      The Swiss People’s party used referendums to deploy its anti-migrant, anti-EU rhetoric. That’s where our movement started.

      Four years ago, along with some friends, I started a grassroots liberal democratic movement in Switzerland called Operation Libero. Since then, we’ve won four referendums (which under Swiss electoral law are frequent) against the rightwing populists. How did we do that? We fought tooth and nail to defend the institutions that protect our freedom and the rule of law. We believed in our goals. And we decided to never sing the populist’s song – only our own song.

      For more than two decades Switzerland has been something of a laboratory for rightwing populism. Ahead of others in Europe, the rightwing Swiss People’s party deployed a relentless anti-immigrant, anti-EU rhetoric. It has successfully used referendums as a marketing tool for its political agenda and has become the largest political force in Switzerland.

      I am 27, and a history student. This was the political environment I grew up in. But in February 2014, my friends and I experienced a kind of Brexit shock before Brexit happened: a “mass immigration initiative” – a referendum – spearheaded by the populists put our country’s relations with the EU at risk. It was a wake-up call. A small group of us in our 20s decided we’d had enough, and it was time to do something.

      We were fed up with the passivity of Switzerland’s established parties. We were angry that traditional political forces were on the defensive in front of the populists, and that no one was speaking up for the very institutions that have made our country so successful in the last two centuries. We felt the need to get involved, to stand up proudly for Switzerland as a land of opportunity, not as an open-air museum – a country of diversity, with a positive narrative for liberal ideas.

      Our crowdfunded, volunteer-based campaigning has achieved a lot in the last four years. We defeated the Swiss People’s party in four major referendum battles: on the question of expelling foreigners who have broken the law (February 2016), on providing legal support for asylum seekers (June 2016), on naturalisation (February 2017) and on the abolition of the country’s public broadcasting (March 2018).

      Right now we’re busy campaigning in the run-up to another referendum, on 25 November, in which the populists aim to place Swiss legislation above international law – in essence a “Switzerland first” agenda. The vote could result in Switzerland’s withdrawal from the European Convention on Human Rights. I’d like to share what we’ve learned along the way.

      To tackle rightwing populism, you have to dispense with peevishness and be very much on the offensive – you must lead the narrative. Take, for example, the 2016 referendum asking Swiss citizens whether they’d agree to have foreigners expelled on the grounds of even minor offenses, such as driving too fast twice in a 10-year period. The vote aimed at modifying the constitution to allow a system of automatic expulsions from the country, with judges given no room to consider personal hardship – an essential element of the law. These changes could have potentially targeted people born in Switzerland who had never lived in the country their parents came from.

      At the time, mainstream parties seemed exhausted, having just come out of a general election in which the Swiss People’s party had dominated the campaign. They seemed to wallow in defeatism. Survey showed the populist referendum plan might garner up to 66% of voters’ support. To be sure, this was a low start for us. But we also knew that we didn’t want to live in a country with a two-tier legal system and a judiciary hindered in its work.

      So what we did is this: we entirely avoided speaking about foreigners and criminality. Instead, we set the tone of the debate by speaking out about the rule of law and how important it is that everyone be equal before it. We moved the political battlefield and forced our adversaries to meet us there. We deliberately argued in a patriotic way, repeatedly referring to the constitution as a pillar of our liberal democracy. In this way, we removed the rightwing populist’s ability to dictate what “their” referendum was about and demonstrated that the changes being considered would affect everyone, not just “criminal foreigners” – as the populists put it.

      And it worked. As the vote drew close, the Swiss People’s party shifted away from the topic of “criminal foreigners”. They found themselves having to explain why they wanted Swiss values to be upended. This was a reversal. People took notice. After the results came out, the leader of the populist’s party conceded: “I don’t know what happened but at some point, everyone was just talking about the rule of law.”

      As the 2019 European parliamentary elections approach, the task for liberal-minded pro-Europeans is to capture the initiative and be the first to define what that election is really about. As a Swiss citizen and a stout liberal democrat, I care immensely about the EU’s fate. Next year’s vote will be about the shape and values of the continent we want to live in. It is very much about freedom and opportunities – not about migration or identity.

      Let’s not be intimidated by rightwing populists. Let them explain why they want to attack institutions and values that brought decades of peace, freedom and prosperity to Europe. Let them explain why we should dismantle that model.

      Europeans need to show pride in institutions that exist because of what we’ve learned from the past. It’s true that many citizens don’t relate to these institutions and often don’t understand what they stand for – which brings me to another crucial point: politics needs to speak directly to people’s hearts and minds. Populists don’t have a monopoly on emotions. Liberalism is based on emotions too. It is based on the profound belief that freedom and equal rights are necessary for any society to prosper as a whole.

      That’s where the battle lies. Serious democrats across Europe have a responsibility to ensure that a vast majority of citizens understand and connect emotionally to what truly protects them – liberal institutions. Now is the time to sing that song – and proudly so.

      https://www.theguardian.com/commentisfree/2018/nov/15/switzerland-laboratory-far-right-politics

  • Memorie dal sottosuolo. I rifugiati nei bunker di Ginevra

    Durante la guerra fredda, la Svizzera costruì migliaia di bunker sotterranei per proteggere la propria popolazione da un eventuale attacco nucleare. Attualmente, alcuni vengono utilizzati per le esercitazioni militari, molti altri sono rimasti in disuso. Negli anni ‘90 un certo numero di sotterranei vennero utilizzati per ospitare le persone che fuggivano dalla guerra nei Balcani, in una situazione di emergenza temporanea. Ma in anni recenti l’uso dei bunker per accogliere richiedenti asilo è diventata una pratica abituale.

    http://wots.eu/2016/11/22/rifugiati-nei-bunker-di-ginevra
    #bunkers #asile #migrations #réfugiés #abris_pc #logement #hébergement #Suisse #Genève

  • Militarizzare le frontiere per proteggere i migranti?

    «La NATO manderà navi nel mar Egeo per fermare la tratta di esseri umani», annunciava il New York Times poco meno di un anno fa. Questo titolo è solo uno dei numerosi tentativi di criminalizzare ulteriormente i cosiddetti “scafisti”. Tuttavia, definire la fuga di profughi verso l’Europa come “tratta di persone” non crea altro che confusione e non può certo giustificare l’invio di navi militari nelle acque del Mediterraneo.

    http://wots.eu/2016/12/07/militarizzare-le-frontiere-per-proteggere-i-migranti

    #frontières #militarisation_des_frontières #contrôles_frontaliers #asile #migrations #réfugiés #passeurs #OTAN #Mer_Egée #traite_d'êtres_humains #Méditerranée

  • Becky è morta

    «Riposa in pace, Becky. Sarai sempre nel mio cuore», diceva una pagina Facebook un paio di mesi fa. Mi capita spesso di ricevere messaggi, SMS e chiamate da parte delle donne migranti che ho intervistato come antropologa durante la mia ricerca sulla migrazione e sul traffico di esseri umani dalla Nigeria e dalla Thailandia verso l’Europa. Ricevo un po’ di tutto da loro: dagli itinerari di viaggio alle domande sulle rotte migliori per raggiungere l’Europa, selfies con visi che mandano baci o con occhiali da sole, foto di neonati, immagini di cibo, fino a brevi messaggi in cui mi chiedono se possono prendere in prestito del denaro da me. Di tanto in tanto, ci sono anche gli annunci funebri. Un fratello è morto nel deserto del Sahara sulla strada per l’Europa, una donna thailandese è stata accoltellata da un cliente in un bordello danese, un’altra uccisa in un incidente stradale in Thailandia. È stato un amico di Becky a notificare la sua morte.

    http://wots.eu/2016/11/08/becky-e-morta
    #asile #migrations #réfugiés #film #Becky's_journey #décès #prostitution #traite #trafic_d'êtres_humains #femmes #documentaire #grossesse

  • Il soldato perfetto

    La stagione delle piogge sta iniziando. Gonfie nuvole cariche di pioggia vanno e vengono da Nord, lasciando spazio momentaneamente a timidi raggi di sole. La strada, così come la terra attorno, è di colore rosso, ed il silenzio della campagna è rotto solamente dagli sporadici versi di bufali assonnati a mollo in pozze di fango. Raggiungiamo il campo base dell’associazione Apopo, mentre il sole, pallido, sbuca da dietro una collina proprio di fronte a noi.


    http://wots.eu/2016/08/07/cambogia-il-soldato-perfetto
    #Cambodge #mines_anti-personnel #rats #guerre #conflit #mines_antipersonnel
    cc @albertocampiphoto

  • La democrazia diretta vista da vicino

    Se quasi venti anni fa, quando sono arrivato in Svizzera per insegnare “Tecniche di fabbricazione” agli studenti di ingegneria di quello che ai miei occhi appariva come “un piccolo Politecnico di montagna” nel Canone francofono di Neuchâtel, mi avessero detto che mi sarei occupato di politica, non ci avrei creduto. Se poi mi avessero detto che da questo mio coinvolgimento nella politica locale di Le Locle, cittadina emblematica della orologeria svizzera, ne sarebbe uscito un libro, allora la cosa sarebbe stata per me proprio incredibile. Eppure tutto questo è avvenuto ed il libro non parla né di macchine utensili né di orologi e nemmeno di tecniche di fabbricazione: parla del sistema politico svizzero come da me non solo visto, ma come lo ho vissuto attraverso il Consiglio comunale della cittadina, le discussioni in piazza o al bar con i cittadini e gli amici.

    http://wots.eu/2016/05/18/la-democrazia-diretta-vista-vicino
    #démocratie_directe #Suisse

    • "La democrazia diretta non è una democrazia di sondaggio"

      Alain Berset presiede quest’anno la Confederazione. Il quarantacinquenne socialista friburghese è il più giovane detentore di questa carica dal 1934. In un’intervista a swissinfo.ch, parla tra l’altro del suo ruolo di presidente, della sua visione della democrazia diretta e dello spinoso dossier europeo.

      https://www.swissinfo.ch/ita/politica/alain-berset-presidente-della-confederazione_-la-democrazia-diretta-non-%C3%A8-una-democrazia-di-sondaggio-/43783778?srg_sm_campaign=general&srg_sm_medium=soc&srg_sm_source=sflow

    • Le zone d’ombra della democrazia diretta svizzera

      Gentile Leonello Zaquini, caro concittadino. Mi permetta di scriverLe queste due righe in commento al suo elogio alla democrazia diretta svizzera apparso su wots.eu qualche mese fa. Non sono politologa e non mi ritengo esperta di sistemi politici. Sono però nata una quarantina di anni or sono e sono cresciuta in questo Paese, la Svizzera. Ho sempre votato da quando me ne hanno dato la possibilità, cioè dall’età dei 18 anni, cosa che mia mamma non ha potuto fare perché all’epoca il voto alle donne era un sogno in questo Paese. Ho sempre creduto nella democrazia diretta svizzera. Mi sono sempre informata sugli oggetti in votazione, sulle iniziative e sui referendum. Sempre significa tre volte l’anno su più oggetti in votazione ogni volta. Ogni volta ho seguito i risultati in diretta alla radio o alla televisione, delle volte fino alle lacrime. Come quella domenica del 9 giugno 2013, che per me rimane una domenica nera, quando i tre quarti dei votanti hanno deciso di accettare il «referendum sulle misure urgenti in materia d’asilo». È stato un sì ai «centri specifici per richiedenti asilo recalcitranti» (formulazione di cui nessuno ha mai dato una definizione chiara); un sì all’impossibilità di chiedere asilo politico nelle ambasciate; un sì al nuovo articolo di legge che non permette più ai disertori di ottenere l’asilo politico, e che voleva chiaramente colpire i rifugiati eritrei.

      http://wots.eu/2016/07/28/le-zone-dombra-della-democrazia-diretta-svizzera

  • Il regime turco attraverso due foto di matrimoni

    Quando il Partito per la Giustizia e lo Sviluppo (#AKP) è salito al potere nel 2002, molti laici temevano che la Turchia si sarebbe presto trasformata in un regime basato sulla shari’a, la legge islamica. Ai sostenitori dell’AKP queste paure parevano esagerate perché erano convinti che soltanto un partito con un forte elettorato conservatore avrebbe potuto ridurre l’ingerenza dell’esercito nella politica nazionale e agevolato così il percorso dello Stato turco verso la democrazia. A quasi quindici anni di distanza, entrambi gli scenari si sono dimostrati lontani dalla realtà. Il regime che si è consolidato sotto i governi dell’AKP è autocratico (centrato sul potere di un solo uomo, della sua famiglia e del suo entourage), caratterizzato da una forma clientelare di capitalismo, appoggiato dall’esercito e rafforzato da ideologie islamiste e nazionaliste che permettono a una nuova classe di privilegiati di guadagnare l’appoggio popolare nonostante le politiche egoistiche e catastrofiche che adottano.


    http://wots.eu/files/2016/07/Taha-U%CC%88n-wedding-e1468168587117.jpeg
    http://wots.eu/2016/07/13/il-regime-turco-attraverso-due-foto-di-matrimoni

    #photographie #Turquie #pouvoir #régime #mariage
    cc @albertocampiphoto

  • #Nowhere_Line : Voices from #Manus_Island

    An animated short film, narrated by two asylum-seeking men detained in Australia’s Manus Island Offshore Processing Centre, recounting the dangerous journeys that brought them to the island and their memories of the riot that erupted in 2014.

    https://vimeo.com/152158702


    #court-métrage #asile #migrations #réfugiés #Australie #externalisation #film #animation #film_d'animation
    cc @wizo @albertocampiphoto

  • Il dottor K. e gli altri siriani di Budapest

    C’era una volta un flusso di migranti arabi, in gran parte siriani, verso il cuore dell’Europa. Al di là dei Balcani, in Ungheria, un paese che li accoglieva a braccia aperte per farne una piccola ma importante parte della sua popolazione. Erano gli anni ‘70 e ‘80, Ungheria e Siria erano paesi amici socialisti e internazionalisti (amicizia anche suggellata da una visita di stato di Assad padre a Budapest il 28 Novembre 1978, all’indomani degli accordi di Camp David); la facoltà di medicina e il politecnico di Budapest erano mete molto ambite per la formazione all’estero dei giovani siriani.


    http://wots.eu/2016/01/05/il-dottor-k-e-gli-altri-siriani-di-budapest
    #réfugiés_syriens #histoire #asile #migrations #réfugiés #Hongrie